Tastiera Meccanica

La vecchia guardia degli informatici, sa che c’era un tempo in cui il suono dei clic che riempiva la stanza era sinonimo di parole che.. ehm, apparivano sulla carta. Ma le macchine da scrivere sulle quali generazioni d’impiegati e aspiranti scrittori di romanzi hanno imparato a digitare non erano gli unici posti in cui potevi trovare delle tastiere meccaniche. Durante gli anni 80 esse erano tanto comuni nelle postazioni PC quanto i lettori floppy disk – perchè le persone che le stavano creando e utilizzando avevano le idee chiare riguardo a quello che digitare poteva, e doveva, essere.

Purtroppo, con il boom del mercato dei PC domestici degli anni 90 e inizio 2000, questi apparecchi robusti vennero messi da parte, in quanto i produttori cercarono soluzioni compatibili col mercato di massa per portare decine di milioni di persone sulle loro macchine e online. Digitare, la più comune delle attività informatiche, divenne qualcosa che tu e le tue dita dovevate sopportare.

Fortunatamente, le cose sono tornate come prima intorno allo scorso decennio, e le tastiere meccaniche sono nuovamente delle alternative accessibili, addirittura popolari, alle tastiere economiche a membrana che erano ovunque. Se ne vuoi comprare una, che sia perchè sei un avido scrittore e giocatore e ti piace avere un buono strumento tra le mani o se sei solamente curioso di capire il motivo per cui ne siamo tutti così affascinati, leggiti questa guida per avere le idee un pò più chiare.

Caratteristiche della Tastiera Meccanica

Innanzitutto, ciò che rende una tastiera meccanica sono gli switch, o interruttori. La maggior parte delle tastiere economiche oggi utilizza la tecnologia a cupola detta anche a membrana. I copri tasto si trovano sopra a una cupola di silicone che, quando un tasto viene premuto, fa fare contatto a due tracce di rame e registra una pressione del tasto. Anche se questo meccanismo è semplice ed economico da realizzare per i produttori, ha lo svantaggio di richiedere una forza relativamente grande, il che può risultare in una sensazione pesante e pastosa e in una mancanza di feedback tattile o uditorio quando digiti. In più, dopo un periodo di tempo abbastanza breve (5 milioni di pressioni, più o meno), le cupole possono piegarsi, funzionare in maniera peggiore o smettere di funzionare del tutto. Questo farà si che sarai costretto a dover sostituire la tastiera almeno una o due volte durante il ciclo di vita del computer con cui la utilizzi.
Gli interruttori meccanici vantano valori pari a 50 milioni di pressioni e più per switch, e possono durare ben più del primo – o del secondo – computer con cui le utilizzi.

Gli switch meccanici, invece, evitano completamente il silicone. Premere un tasto attiva uno switch fisico vero e proprio che registra ciò che scrivi. Poiché le parti utilizzate sono molto più solide di quelle utilizzate nelle tastiere a membrana, le tastiere meccaniche hanno di solito una vita molto più lunga (molte vantano valori pari a 50 milioni di pressioni e più per switch, e possono durare ben più del primo – o del secondo – computer con cui le utilizzi). Questa longevità fa si che le persone entrino in sintonia con la loro tastiera e creino una relazione più diretta fra ciò che l’utente sta scrivendo e ciò che appare sullo schermo. In seguito all’hardware utilizzato, le tastiere meccaniche tendono a essere più spesse, più pesanti e più costose rispetto alla loro controparte con tecnologia a membrana. Ciò le rende qualcosa di più di un semplice investimento, considerando che con ogni probabilità ti ripagheranno in pieno se la qualità della digitazione ti interessa davvero.

Quando compri una tastiera, devi fare attenzione agli switch che utilizza e al tipo di feedback che offre. Esistono due feedback:
Audio, quando premendo un tasto si avverte il suono della pressione “click”, questo può essere molto pronunciato o meno a seconda degli switch usati.
Tattile, quando premendo un tasto si percepisce uno scalino nel momento dell’attivazione dell’interruttore.
Punto di attuazione e fine corsa
È inoltre da tenere in considerazione la quantità di pressione che lo switch richiede per essere attivato (forza di attivazione), fattore che influenza notevolmente la funzionalità della tastiera e il punto di attuazione e fine corsa.
Punto di attuazione, la distanza percorsa dal tasto prima id inviare il comando.
Fine corsa, la distanza percorsa dal tasto prima di fermarsi completamente.

Gli scrittori più esperti riescono a non arrivare al fine corsa ma semplicemente si fermano al punto id attuazione. Questa pratica richiede esercizio e precisione

Mettendo da parte gli switch, le tastiere meccaniche possono avere le stesse caratteristiche degli altri tipi di tastiere. Potresti aver bisogno della retroilluminazione, che sia di un unico colore o di un intero spettro RGB programmabile a tuo piacimento. Potresti trovare utili i controlli multimediali, basati su tasti separati o su tasti multifunzione. Inoltre, i tasti macro possono rivelarsi fondamentali nei giochi, dal momento che possono eseguire per te azioni noiose e ripetitive, rendendo l’esperienza di gioco migliore.
A ogni modo, puoi trovare una tastiera meccanica capace di fare qualunque cosa tu possa volere da una tastiera – con peso, longevità e stile maggiori di quanto tu potessi pensare. Le tastiere meccaniche sono tornate per restare e probabilmente subiranno grandi miglioramenti dal momento che sempre più utenti stanno iniziando a notare i benefici che apportano a scrittori incalliti, a giocatori attivi e a tutte le fasce intermedie.

Recensione Migliori Tastiere Meccaniche

Vediamo quali sono le migliori tastiere meccaniche presenti sul mercato.
Corsair K95 RGB PLATINUM
Al giorno della stesura di questo articolo è il miglior esemplare di tastiera meccanica sul mercato. È una tastiera Fullsize 105 tasti, con in aggiunta sei tasti extra per la registrazione delle macro. Quattro tasti sono dedicati alla gestione dei media (vedi film e musica), un tasto per silenziare l’audio ed una rotella per il controllo del volume. La corsair K95 PLATINUM, ha un guscio fatto di alluminio di grado aeronautico che la rende esteticamente stupenda e resistente. La tastiera ha un sistema di retroilluminazione dei più avanzati, oltre al fatto di poter scegliere tra 16.8 milioni di colori potrete illuminare ogni singolo tasto a seconda delle vostre necessità. La K95 PLATINUM è disponibile con due modelli d’interruttori, i Cherry MX Brown e Cherry MX RGB Speed. La versione Brown è più silenziosa ed i tasti hanno una corsa più lunga, si addice di più agli scrittori o programmatori. La versione MX Speed è più veloce e leggermente più rumorosa. Utilizzare gli switch MX speed richiede un poco di pratica, ma una volta imparato sono una favola, questo modello si addice di più ai gamers.. Sul lato sinistro abbiamo sei tasti dedicati alle macro (sequenze di tasti registrate e attivate con un comando), che potrete registrare tramite il buon software gestionale Corsair. Per finire abbiamo il poggia polsi, che lo si può staccare in caso abbiate poco spazio.

Logitech G413
Logitech g413 è una tastiera meccanica full size 105 tasti disponibile con il layout italiano. La tastiera ha un guscio in lega di alluminio spazzolato. È disponibile in due colorazioni, grigio, con retroilluminazione bianca, molto elegante e perfetta per qualsiasi ambito lavorativo e per MAC, nera, con retroilluminazione rossa più votata a una clientela gamer. La g413 utilizza un interruttore meccanico proprietario di Logitech, il Romer-G™. Questo interruttore è molto silenzioso, il che farà un po indispettire i puristi delle tastiere meccaniche. La loro distanza di attuazione è 1.5mm, quindi relativamente bassa il che li rende veloci ma non troppo da dar fastidio ai neofiti. La retroilluminazione è monocolore e non ha impostazioni speciali con cui giocare. La tastiera è supportata dal Logitech Gaming Software, che è una delle migliori suite per la gestione delle tastiere presenti sul mercato. Grazie alla quale potrete impostare macro e le impostazioni della tastiera. Una bella tastiera, meccanica ma non troppo, silenziosa ed elegante, adatta anche a piccole scrivanie.

Filco majestouch-2
Filco Majestouch 2 è una tastiera meccanica per puristi. La FILCO produce tastiere dal 1992, fa parte di una Corporation Giapponese. La Majestouch 2 è la tastiera meccanica per eccellenza, il prezzo è alto, attorno ai 150€ e non ha retroilluminazione, tasti extra o altri optional che al giorno d’oggi vengono usati per vendere le tastiere più care. Gli switch utilizzati sono i Cherry MX RED, un interruttore lineare con un feedback audio poco pronunciato, una distanza di attuazione di 2mm. Scrivere con questa tastiera è molto piacevole. Quello che giustifica il prezzo di questa tastiera è la qualità produttiva e dei materiali. È una tastiera molto pesante, ha un corpo in acciaio che le dà stabilità e solidità. Questa tastiera meccanica è un carrarmato, indistruttibile ma al tempo stesso veloce ed elegante. È la tastiera degli scrittori o degli hacker, è la tastiera per coloro che amano la qualità senza il bisogno di farla vedere. È una tastiera speciale, che si merita la menzione all’interno della nostra classifica, anche se non è per tutti. È disponibile in due versioni, full size e tenkeykless (senza tastierino numerico). Su Amazon è presente solo nella versione US. Mentre su Amazon UK a volte si trova la versione ITA.

Das Keyboard 4 Professional
Das Keyboard 4 Professional, l’antagonista giovane e moderno della majestouch-2. Das Keyboard produttore Americano di tastiere si pone come via di mezzo tra le moderne tastiere full optional e la vecchia guardia di tastiere meccaniche essenziali, robuste ed efficienti. Con la Il modello 4, Das keyboard offre una tastiera robusta e pesante, con una cover in alluminio spazzolato che la rende elegante e accattivante. Un layout da 105 Tasti US o UK, tasti media, mute, interruttore e rotella per la gestione del volume. La das Keyboard 4 Professional è disponibile con 2 varianti d’interruttori. Cherry MX Brown, un interruttore abbastanza silenzioso con un feedback tattile pronunciato, una corsa di 4mm e l’attivazione a 2mm. Cherry mx Blue, che offrono anch’essi un buon feedback tattile ma il click è molto più pronunciato, un piacere se siete da soli, un problema se siete in stanza o ufficio con qualcun’altro. La tastiera non ha retroilluminazione ma dispone di porte USB per collegare mouse o cuffie. Anche questa è una tastiera per entusiasti delle tastiere meccaniche, con qualche optional in più rispetto alla Filco.

AUKEY KM-G6
Siete incuriositi dalle tastiere meccaniche e non volete spendere una fortuna? Aukey uno dei più grandi produttori al mondo di elettronica ha pensato a voi. La AUKEY KM-G6 è una tastiera meccanica full size con 104 tasti, interruttori meccanici blu OUTEMU, un marchio più economico rispetto ai Cherry. Il suono prodotto da questi interruttori è molto simile a quello dei Cherry, quindi una tastiera abbastanza “cliccosa”, accompagnata da un feedback tattile. La tastiera rispetto alle tastiere viste in precedenza è fatto per lo più di plastica, non è molto pesante e non da quella sensazione di qualità. Ciò non toglie il rapporto qualità prezzo è molto alto, a meno di 40 € avrete una tastiera meccanica con retroilluminazione multicolore. Il design minimale la rende ideale per qualsiasi ambiente lavorativo, l’unico dubbio è dato dalla rumorosità degli interruttori di questa tastiera. Per quanto sia piacevole per noi amanti delle tastiere meccaniche potrebbe non esserlo per i vostri compagni di stanza.

Drevo Calibur 72
Nella classifica delle migliori tastiere meccaniche non potevamo non includere un modello wireless. La Drevo ci regala questa tastiera tenkeyless, wireless e bluetooth. È possibile utilizzare la tastiera con PC e MAC più tutti i dispositivi mobile grazie al bluetooth. La Calibur 72 è una tastiera che occupa poco spazio sulla scrivania o sulle vostre gambe. È una tastiera per giocatori o programmatori che non necessitano del tastierino numerico. È disponibile con quattro tipologie di switch a seconda dei gusti, gli switch sono della Kailh e le versioni disponibili sono brown, blue, red, black. I produttori d’interruttori solitamente copiando i colori copiano anche i feedback, quindi leggendo la nostra guida degli interruttori meccanici saprete quale modelle fa al caso vostro. La tastiera è retroilluminata, è solida e compatta e a un prezzo molto allettante viste le caratteristiche, sicuramente una tastiera da prendere in considerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *