Come Scegliere la Tastiera Pc

La tastiera è la nostra interfaccia con il computer, è quella cosa che trasforma il nostro pensiero in testi e azioni, è uno strumento indispensabile per tutti coloro che lavorano con il PC o che giocano ai videogiochi. Spesso la si utilizza per 5/6 ore al giorno, ore passate a premere pulsanti, talvolta in posizione scomode per le nostre mani e con tastiere di bassa qualità, regalateci da coloro che ci hanno venduto il PC.

Stranamente a dispetto di cose molto più marginali nella quotidianità, la tastiera viene poco considerata come degna di un investimento. In pochi sanno quanto influisca una tastiera sulla propria condizione, quanto influisca sulla resa durante la digitazione di testi o data entry e talvolta pure i giocatori sottovalutano quanto una buona tastiera possa fare la differenza in gioco. Con questa guida cercherò di aiutarvi a scegliere la migliore tastiera PC o gaming, dato che il mondo delle tastiere è più variegato di quel che si pensi. Per scegliere una tastiera PC bisogna passare attraverso un processo logico.

Tipi di Tastiere Pc

Innanzitutto dove capire per cosa vi serve la tastiera. Sul mercato ci sono centinaia di modelli di tastiera, che variano a seconda della tecnologia utilizzata, degli optional e dello scopo finale, vengono costruite in modo da soddisfare le necessità dei clienti, e ogni categoria a delle caratteristiche specifiche. Gli utilizzi principali della tastiera sono:

Scrittura testi
Data entry
Lavoro
Gaming
Viaggio

Tastiera per scrivere testi
Quando si devono scrivere testi, il fattore principale da tenere in considerazione è la comodità, quindi l’ergonomia della tastiera. Non esiste una tastiera che vada bene a tutti. Bisogna sperimentare un poco prima di trovare il partner ideale per i nostri testi. Le caratteristiche da cercare sono:
Tasti ricurvi,
Poggia polsi alto
Tastiera con forma a V in modo da tenere le braccia in modo più naturale.
La tastiera può essere Tenkeyless o Compact se vi piace la scrivania ordinata e non fate data entry.

Tastiera per data entry/lavoro
Anche coloro che si occupano di data entry necessitano di una tastiera ergonomica, ma il tastierino numerico è obbligatorio in questo caso, data la mole di numeri che solitamente vengono immessi. Quindi la tastiera consigliata ha le seguenti caratteristiche
Tasti ricurvi,
Poggia polsi alto
Tastiera con forma a V in modo da tenere le braccia in modo più naturale.
La tastiera deve essere full size per poter inserire i numeri velocemente.

Tastiera da gaming
Le tastiere da gaming necessitano un discorso approfondito. Perché a seconda del gioco o delle abitudini del giocatore variano le caratteristiche da cercare nella tastiera. Per un giocatore All-round le caratteristiche importanti sono
Tasti meccanici veloci
Connessione USB
Tasti macro
Retroilluminazione
Per quanto riguarda i giocatori, esistono una gran quantità di tastiere da gaming. Solitamente le tastiere da gaming sono alquanto elaborate e hanno caratteristiche specifiche per il gaming come:
Velocità, usano interruttori ottimizzati per la velocità in modo da rendere il giocatore il più reattivo possibile.
Retroilluminazione, spesso multicolore, serve a giocare nelle ore notturne e in alcuni casi è possibile illuminare solo i tasti che interessano durante il gioco.
Key Rolling, è il numero massimo di tasti che un giocatore può premere in contemporanea, alcuni modelli offrono addirittura un NKRO, cioè nessun limite ai pulsanti premuti contemporaneamente.
Polling rate e response time da 100Hz per poter inviare impulsi senza il rischio di alcun ritardo.
Tasti macro, sono pulsanti extra aggiunti alla tastiera sui quali vengono registrate delle complicate sequenze di digitazioni. In questo modo il giocatore può registrare impostando i ritardi e i tasti da riprodurre. In questo modo le combinazioni verranno riprodotte velocemente e senza errori.
Software gestionale, il software benché non presente su tutte le tastiere gaming è spesso fondamentale, poiché permette di gestire la registrazione delle macro e la retroilluminazione.

Sistema di Connessione della Tastiera

La tastiera può essere collegata al Pc in modi diversi

Cavo USB
La connessione più utilizzata ai giorni per collegare una tastiera PC è un cavo USB. Solitamente le tastiere non necessitano di software per poterle utilizzare, è sufficiente collegare la tastiera al PC per farla funzionare, talvolta, specialmente nelle tastiere da gaming si utilizza il software gestionale per poter sfruttare funzioni aggiuntive che altrimenti sarebbero inutilizzabili. La connessione usb ha il vantaggio di non necessitare di batterie a differenza della tastiera wireless o bluetooth. Per quanto riguarda le tastiere da gaming, l’USB è un must, questo per via dei pochi benefici derivati dal wireless a dispetto dei rischi di ritardi degli imput inviati dalla tastiera al PC, che si trasformano in ritardi in gioco, che diventano a loro volta sconfitte.

Wireless
Se non siete giocatori e amate avere una scrivania ordinata, o magari avete il PC in salotto e utilizzate la tastiera sul divano, la tastiera wireless fa al caso vostro. Solitamente le tastiere wireless sono collegate al PC tramite un ricevitore USB che riceve il segnale dalla tastiera. Le tastiere wireless funzionano o con batterie usa e getta o con batterie ricaricabili a seconda del modello. Il ricevitore USB può ricevere segnali anche da altri dispositivi della stessa marca, come un mouse o un’altra tastiera.

Bluetooth
Il bluetooth popolare una decina di anni fa e poi scomparso sta tornando in auge. Questo perché si adattano più facilmente ad altri dispositivi come tablet o smartphones. A differenza dei modelli wifi, le tastiere bluetooth hanno un raggio di azione maggiore e una durata delle batterie inferiore.

Interruttori e Pulsanti della Tastiera

Le tastiere, nonostante dall’esterno sembrino assomigliarsi tutte, fatta eccezione per retroilluminazioni o forme bizzarre, nascondono la loro più importante caratteristica proprio sotto i pulsanti. Di fatti una delle maggiori discussioni di questi ultimi anni è stata proprio sugli interruttori che siedono sotto i cosiddetti “key caps” (pulsanti). Questi interruttori si suddividono in più famiglia a seconda del loro meccanismo. Le principali tipologie d’interruttori presenti sul mercato sono: Interruttori a membrana, interruttori a forbice e interruttori meccanici.
Interruttore a membrana
Interruttore a membrana
Interruttore a forbice
Interruttore a forbice
Interruttore meccanico
Interruttore meccanico

Interruttori a membrana
Le tastiere economiche solitamente utilizzano interruttori a membrana, in quanto sono i più economici da produrre. Sotto i tasti troviamo un foglio di silicone che con una cupola per ogni tasto. Quando il tasto viene premuto il silicone viene fatto entrare in contatto con una matrice circuitale sottostante formata da righe e colonne sempre in silicone. Nel momento della pressione a seconda della posizione in cui è stato rilevato il contatto viene inviato un segnale al microprocessore. La sensazione offerta da questo tipo di tastiere è abbastanza neutra. Nessun feedback audio, ne tanto meno tattile. La corsa dei tasti è molto breve quindi la digitazione è piuttosto veloce. Il più grande difetto che viene riconosciuto a questi interruttori, è quello di non offrire feedback se non quello del fine corsa. L’invio del comando avviene solamente nel momento in cui il tasto torna in posizione originale e i due strati di silicone si dividono.

Interruttori meccanici
Gli appassionati di tastiere, coloro che provano piacere a scrivere come il sottoscritto, solitamente preferiscono tastiere meccaniche. Ora anche nel settore del gaming si sono diffuse a tal punto che le tastiere di alto profilo sono solo meccaniche. Sotto i tasti stavolta troviamo un meconismo un po’ più complesso. Gli interruttori questa volta sono singoli, ognuno ha un dispositivo con una molla che una volta spinto a fondo interrompe il circuito e manda il segnale. Ci sono vari tipi d’interruttori meccanici, alcuni al loro interno hanno un gradino lungo la corsa del tasto per offrire un feedback tattile dell’attivazione del tasto. Alcuni modelli di switch offrono un feedback audio e sono molto rumorosi. È sempre bene informarsi su che modello di switch usa la tastiera per evitare tastiere troppo rumorose. La sensazione data da una tastiera meccanica è molto differente. Il suono che emette, la sensazione che offre durante la digitazione, sono cose che hanno fatto la fortuna di questi switch, ma non tutti amano questo tipo di tastiere. I tasti solitamente durano sino a 50.000.000 di pressioni.

Layout e Dimensioni Tastiera

Non tutte le tastiere sono uguali, a seconda della lingua troverete lettere differentemente disposte o proprio lettere che non esistono nella lingua italiana. Le dimensioni più diffuse sono:
Tastiere standard o full size, hanno il tastierino numerico, le frecce e tasti di navigazione.
Tastiere Tenkeyless, non hanno il tastierino numerico, ma hanno le frecce e tasti di navigazione.
Tastiere Compact, non hanno frecce o tasti di navigazione.

I layout si dividono principalmente tra ISO e ANSI.
Layout ANSI
Il layout ANSI viene utilizzato principalmente negli Stati Uniti e Olanda. Le tastiere PC che utilizzano questo layout solitamente sono a 104 tasti, standard, o 87 tasti, tenkeyless.
Layout ISO
Il layout ISO è il più diffuso in Europa, ha un tasto in più rispetto alla tastiera ANSI. Solitamente le tastiere PC con layout ISO hanno 105 tasti, standard, o 88 tasti, tenkeyless.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *